Senso di pesantezza alle gambe, gonfiore, formicolii persistenti a polpacci e cosce, prurito. Questi sono i principali sintomi di un insufficienza venosa, patologia che colpisce principalmente le donne soprattutto dei paesi occidentali, dove la vita sedentaria e le cattive abitudini alimentari tendono a favorire l’insorgenza di una cattiva circolazione agli arti inferiori.

L’insufficienza venosa è, appunto, un disturbo dovuto quando il sangue tende a ristagnare nelle estremità del corpo. Il sangue che dalla periferia ritorna al cuore viaggia contro la forza di gravità e, in questo viaggio, è spinto soprattutto dall’elasticità della parete venosa e delle valvole.
Quando la vena perde elasticità, il sangue non riesce a risalire e ristagna nelle vene delle gambe. Il ristagno ematico comporta un aumento della pressione nelle vene con sfiancamento della parete venosa e compromissione della funzionalità delle valvole.
Ovviamente, il caldo e l’afa tipiche della stagione estiva tendono ad aggravare la sintomatologia dell’insufficienza venosa. Per contrastarla è necessario, soprattutto in estate, iniziare per tempo trattamenti topici agli arti inferiori: utilizzare creme gel specifiche a base di Meliloto, Vite rossa, Ananas, Centella, Ginkgo Biloba, Rusco, Escina, Vitamina PP, Mentolo e Mentile, significa favorire la riattivazione della circolazione e ridurre sensibilmente la sensazione di gonfiore alle gambe.