Con l’arrivo delle bella stagione si iniziano a programmare le vacanze. Che siano al mare o in montagna, o in una città d’arte, la prima cosa da fare è prendere le giuste precauzioni per proteggere la pelle dall’esposizione solare.

E’ oramai noto che il sole, oltre ai numerosi benefici, può arrecare danni alla pelle, specie a quella più delicata dei bambini. I bambini non hanno ancora sviluppato dei meccanismi di produzione della melanina che permettono alla pelle di difendersi dai raggi solari e corrono, più facilmente degli adulti, il rischio di arrossamenti e scottature.

Il primo consiglio è non esporre i bambini al sole nelle ore più calde: i momenti della giornata più adatti sono, per portali in spiaggia ad esempio: il mattino presto, fino alle 10 circa, e il tardo pomeriggio, dopo le 17.

 

Anche nelle fasce orarie consigliate è da evitare l’esposizione diretta ai raggi solari e si devono comunque adottare degli accorgimenti particolari: applicare la protezione circa venti minuti prima dell’esposizione al sole e ripeterla durante la permanenza; utilizzare una crema solare ad alto fattore protettivo e preferibilmente water resistant, in modo che la pelle sia protetta durante i momenti di gioco, soprattutto quelli in acqua.

 

La cosa da tenere presente quando si acquista una crema solare per bambini è la possibilità dell’insorgenza di allergie o reazioni particolari alle sostanze presenti nel prodotto. Per questo è preferibile orientare la scelta verso creme sicure, a base di elementi naturali e certificati.

 

Altra cosa fondamentale durante l’esposizione dei bambini al sole è la scelta degli indumenti da fargli indossare, che dovrà cadere su cotone, lino e non sulla fibra sintetica. È sconsigliato bagnare gli indumenti o lasciarli con il costumino umido addosso, perché i tessuti quando non perfettamente asciutti offrono una protezione inferiore dai raggi del sole.

 

Accessori assolutamente necessari che non devono mai mancare nella valigia sono gli occhiali da sole e cappelli a falda larga per proteggere occhi, testa, orecchie e nuca del piccolo. Inoltre va ricordato di portare sempre abbondante acqua da fargli bere durante il giorno e di alternare momenti di gioco al sole, con preferenza per quelli in movimento, a momenti di riposo all’ombra.

 

Una volta a casa è importante idratare la pelle massaggiandola con una crema doposole, naturalmente dopo un bagnetto o una doccia veloce. Seguendo queste piccole linee guida avrete la certezza che la vacanza sarà un momento di relax e gioia per i genitori quanto per i bambini.