Avere gambe e caviglie gonfie è piuttosto diffuso fra le donne, soprattutto quando il clima è più caldo. La causa è sempre un accumulo di acqua straordinario tra pelle e muscoli.

L’accumulo può dipendere da:

– riassorbimento lento dei liquidi

– disfunzioni legate all’assunzione di farmaci e/o ormoni (estrogeni, cortisone, tiroidei)

– patologie renali, epatiche e cardiache

– problemi di circolazione sanguigna.

Quando l’eccesso di acqua che determina gambe e caviglie gonfie è dovuto a problemi di circolazione sanguigna, è perchè il sangue non riesce a risalire in modo fluido verso il cuore (in caso, per esempio, di trombosi, varici, difficoltà cardiache) e quindi si creano “ingorghi” che determinano una fuoriuscita straordinaria di acqua, che viene trasferita dalla vena allo spazio sottocutaneo.

Qualora l’organismo non riesca a ripristinare un flusso sanguigno regolare, questo ristagno eccessivo di acqua sotto la cute comporta gambe e caviglie gonfie.

Di fronte a questo gonfiore, i rimedi sono mirati all’eliminazione dell’acqua in eccesso. A tale scopo, risulta particolarmente efficace l’assunzione di integratori alimentari ricchi in eterosidi cumarinici e flavonoidi, in grado di contrastare la stasi linfatica, riducendo così il senso di affaticamento e pesantezza.

Se l’accumulo di liquidi è riconducibile a problemi di circolazione, allora si può pensare a un’azione combinata di integratori alimentari specifici a creme gel a effetto drenante, che migliorino l’attività e la tonicità venose, oltre che la microcircolazione.