D.ssa Paola Iezzi
Dietista – Pescara

Il colesterolo è un composto organico appartenente alla famiglia dei lipidi steroidei. Nel nostro organismo svolge diverse funzioni biologiche, importanti ed ESSENZIALI:  è un componente delle membrane cellulari, di cui regola fluidità e permeabilità; è il precursore degli ormoni steroidei, sia maschili che femminili (testosterone, progesterone, estradiolo, cortisolo, ecc.), della vitamina D e dei Sali biliari.

Tuttavia, quando circola nel sangue in concentrazioni superiori alla norma, il colesterolo, nonostante questo ruolo biologico di prim’ordine, si trasforma in un acerrimo nemico della nostra salute. Come tutti gli avversari più tenaci, il colesterolo in eccesso può essere sconfitto soltanto conoscendolo a fondo ed utilizzando le informazioni raccolte per elaborare adeguate strategie difensive e di contrattacco. Per questo motivo, abbiamo raccolto in questa pagina tutti i collegamenti ai principali articoli del sito dedicati al tema “colesterolo”.

Il colesterolo deriva sia dall’alimentazione che dalla sintesi endogena.

Gli alimenti ad alto contenuto di colesterolo sono quelli di origine animale, generalmente ricchi di grassi saturi come uova, burro, carni, salumi, formaggi ed alcuni crostacei.

Circa l’80-90% del colesterolo totale viene prodotto autonomamente dal nostro organismo, soprattutto dal fegato ma anche dal surrene e dalle ghiandole sessuali. Ciò spiega come mai in alcuni soggetti, nonostante un’alimentazione equilibrata ed un regolare programma di attività fisica, i livelli di colesterolo permangono elevati. Quando la produzione endogena è fisiologicamente elevata, come in questi casi, si parla di ipercolesterolemia familiare.

 

Qualunque sia la sua origine, l’ipercolesterolemia è caratterizzata da una concentrazione di colesterolo nel sangue (colesterolemia) superiore al valore normale.Valori di colesterolo nel sangue
  • < 200 mg/dl Colesterolemia normale
  • 200-249 mg/dl Ipercolesterolemia lieve
  • 250-299 /dl Ipercolesterolemia moderata
  • >299 mg/dl Ipercolesterolemia grave

 

 

Essendo il colesterolo un lipide, è scarsamente solubile in acqua e per essere trasportato nel torrente circolatorio necessita, pertanto, di legarsi a specifiche lipoproteine. Il colesterolo si lega soprattutto alle lipoproteine a bassa densità o LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo). Si calcola infatti che circa il 60-80% del colesterolo totale sia legato alle LDL.

 

Il colesterolo in eccesso legato a tali lipoproteine tende ad accumularsi sull’endotelio delle arterie, formando aggregati sempre più densi fino a generare delle vere e proprie placche, dette ateromi. Queste placche fanno perdere la naturale elasticità delle arterie e possono causare gravi danni soprattutto al cuore (infarto) o al cervello (ictus).

 

Il colesterolo buono è invece rappresentato dalle HDL (lipoproteine ad alta densità) che ripuliscono le arterie catturando il colesterolo in eccesso e trasferendolo ai tessuti (soprattutto al fegato), dove viene smaltito. Più è alto il livello di HDL nel sangue e minore sarà il rischio di sviluppare l’aterosclerosi e tutte le altre conseguenze negative dell’ipercolesterolemia.

 

In virtù di questa loro caratteristica, negli ultimi anni il ruolo delle HDL è stato rivalutato in maniera importante, tanto che oggi si ritiene più significativo il rapporto tra HDL e LDL, rispetto al valore del colesterolo totale.
In genere il colesterolo “buono” (HDL) non dovrebbe essere inferiore al 30% del colesterolo totale (LDL+HDL). Un altro parametro, detto indice di rischio cardiovascolare, mette in relazione il colesterolo totale con le HDL. Se tale rapporto è superiore a 5 nell’uomo ed a 4,5 nella donna, il paziente è considerato a rischio.

 

 

POLICOSANOLI E COLESTEROLO
I policosanoli sono sostanze naturali presenti in diverse cere vegetali ed in modo particolare nella canna da zucchero, da cui vengono estratti e commercializzati senza obbligo di prescrizione medica.

 

Dal punto di vista chimico, si tratta di una miscela di alcoli linfatici lineari a lunga catena (octacosanolo, tetracosanolo, esacosanolo ed altri). I policosanoli vengono ampiamente pubblicizzati per il loro effetto ipolipidemizzante che, secondo alcuni, sarebbe paragonabile a quello delle statine. Se consideriamo che tale categoria di farmaci non è certo esente da effetti collaterali (le statine possono causare danni epatici e dolori muscolari), capiamo benissimo l’enorme interesse che ruota intorno ai policosanoli. D’altronde viviamo in un periodo caratterizzato dalla estenuante rincorsa a tutto ciò che è naturale e benefico per il nostro organismo. “Se un prodotto è naturale e fa bene lo prendo, se invece è di sintesi e fa altrettanto bene, preferisco pensarci su”, è questo, in sostanza, il ragionamento che oggi accomuna molte persone.

 

Non bisogna inoltre dimenticare il ritmo frenetico imposto dagli innumerevoli impegni quotidiani, che rendono molto più semplice l’assunzione di una o due compresse al mattino (naturalmente naturali!) rispetto all’impegno di rivisitare il proprio stile di vita in chiave più salutistica.

 

Detto questo, possiamo affermare che i policosanoli possono sicuramente costituire un valido supporto soprattutto nei pazienti con basso profilo di rischio cardiovascolare, come coadiuvanti del riequilibrio metabolico in presenza di forme dislipidemiche di modeste entità mentre, per pazienti con livelli più alti, sarà sempre il medico a suggerire l’approccio terapeutico più indicato.

 

Non dimentichiamo, però, che massima importanza riveste l’impegno di ciascuno nell’adottare comportamenti “intelligenti” nel quotidiano.

Ampio spazio quindi dovrà essere dato al pesce, alla frutta, alla verdura, alle fibre, ai cereali ed al nostro preziosissimo olio extravergine di oliva naturalmente ricco di vit. E. Ridurre l’uso di carne, zuccheri, dolciumi, alcool e fumo. Sforzarsi infine di praticare almeno trenta minuti di attività sportiva al dì.

 

Un comportamento virtuoso è doveroso per tutti coloro che si vogliono bene.

[/vc_column_text][/vc_column]

5_-_Il_colesterolo_conoscerlo_e_combatterlo

D.ssa Paola Iezzi
Dietista – Pescara 

[/vc_row]