Il sangue pompato dal cuore arriva alle gambe attraverso le arterie e, nel suo percorso, cede ossigeno per consentire il lavoro dei muscoli. Ormai povero di ossigeno, si raccoglie nelle vene per tornare al cuore e poi ai polmoni dove viene nuovamente ossigenato. Nel sistema venoso, dunque, il sangue scorre verso l’alto, cioè contro la forza di gravità. Per facilitare questo compito entra in gioco la pompa muscolare: mentre si cammina, i muscoli, contraendosi, spremono le vene delle gambe e imprimono al sangue la spinta per salire verso l’alto.

Contemporaneamente, un sistema di valvole impedisce al sangue di ricadere verso il basso. Si tratta di piccole tasche che, al momento opportuno, si distendono dalla parete interna delle vene consentendo il flusso in un’unica direzione. Negli arti inferiori sono presenti due sistemi circolatori venosi, uno profondo e l’altro superficiale.

Le varici compaiono principalmente a carico di quello superficiale, ossia nelle diramazioni della vena grande safena (che corre lungo la faccia interna della gamba dalla caviglia fino all’inguine) e della piccola safena (che inizia sul lato esterno della caviglia e sale posteriormente lungo il polpaccio fino al cavo del ginocchio).

La circolazione delle gambe (1) Il sangue pompato dal cuore arriva alle gambe attraverso le arterie e, nel suo percorso, cede ossigeno per consentire il lavoro dei muscoli. Ormai povero di ossigeno, si raccoglie nelle vene per tornare al cuore e poi ai polmoni dove viene nuovamente ossigenato. Nel sistema venoso, dunque, il sangue scorre verso l’alto, cioè contro la forza di gravità. Per facilitare questo compito entra in gioco la pompa muscolare: mentre si cammina, i muscoli, contraendosi, spremono le vene delle gambe e imprimono al sangue la spinta per salire verso l’alto. Contemporaneamente, un sistema di valvole impedisce al sangue di ricadere verso il basso. Si tratta di piccole tasche che, al momento opportuno, si distendono dalla parete interna delle vene consentendo il flusso in un’unica direzione. Negli arti inferiori sono presenti due sistemi circolatori venosi, uno profondo e l’altro superficiale. Le varici compaiono principalmente a carico di quello superficiale, ossia nelle diramazioni della vena grande safena (che corre lungo la faccia interna della gamba dalla caviglia fino all’inguine) e della piccola safena (che inizia sul lato esterno della caviglia e sale posteriormente lungo il polpaccio fino al cavo del ginocchio).

da www.automedicazione.it