La posizione seduta per lungo tempo, senza attività muscolare a far da pompa, fa ristagnare acqua nei tessuti delle gambe, specie nelle zone più declivi. Questo già in assenza di malattie. Se in più si hanno difetti di circolazione venosa, malattie di cuore, rene, fegato, tale fenomeno può essere molto più evidente.

Fenomeni analoghi succedono nei soggetti che lavorano in piedi, specie se muovendosi poco (commessi, venditori al banco, cuochi, parrucchieri, chirurghi, ecc) o che passino molto tempo seduti (studenti, impiegati, operatori al computer, ecc). Molte persone anziane, per pigrizia, artrosi, debolezza, passano molte (troppe) ore davanti al televisore ed evitano di camminare almeno un minimo provocando un edema a volte importante, se associato ad insufficienza venosa.

 

I pazienti con insufficienza arteriosa grave hanno difficoltà a far arrivare il sangue ai piedi: quando li sollevano sul letto arriva meno sangue e le gambe fanno male. Per questa ragione vivono in poltrona con le gambe sempre “in basso” e per questo sempre gonfie. Questo, oltre a tutto, peggiora la circolazione arteriosa stessa.

da www.circolazionevenosa.it